SCANDALO ORDINANZA N. 78 del 23.05.2019 sul DURC di congruità

Attuazione dell’articolo 1, comma 2, dell’ordinanza n. 41 del 2 novembre 2017: misure dirette ad assicurare la regolarità contributiva delle imprese operanti nella ricostruzione pubblica e privata.

Con il classico "movimento lento", fatto di riunioni su riunioni, senza però mai alcun verbale, è stato ratificato (non sembra dagli Architetti presenti, i quali dicono addirittura di essere stati assenti all'incontro finale !!) l'accordo che vede i Tecnici, soprattutto i Direttori dei Lavori, impegnati a rendicontare ad altri (USR e Cassa Edile) gli impieghi di personale nei cantieri e con le specifiche mansioni. Questo in sostanza si legge nell'allegato 2, l'unico, al momento, presente sul sito del Commissario per la Ricostruzione il quale dice che è esecutivo, dimenticando l'approvazione della Corte dei Conti e la pubblicazione degli altri due allegati a cui il breve articolato (due facciate su 17) fa poi riferimento.

A tal proposito si precisa in questa sede che il documento sottoscritto anche dal Nostro Presidente dell'Ordine degli Architetti di Macerata, lo scorso 28 dicembre, redatto tra gli altri proprio dal componente dell'Ordine di Perugia che si è detto assente nella seduta determinante (!) e l’allegato 2 all’ordinanza 78 ci sono enormi differente a nostro sfavore, fino ad arrivare a farci fare da semplici passacarte con il solo scopo di coinvolgerci nella responsabilità in dinamiche che non fanno parte né del nostro bagaglio tecnico, né dei nostri mansionari professionali. A tale scopo si vuole qui ricordare una proposta di evento formativo inviataci da Cassa Edile un anno fa dopo la pubblicazione dell’Ordinanza 58, preoccupata di come avremmo comunicato i dati: in sostanza ci diranno loro come dobbiamo comunicarli. Ed il tutto lo faremo gratuitamente. Quindi, altri "oneri senza onori" .... 

Complimenti Commissario, complimenti per il servizio che sta rendendo al suo territorio e ai tecnici, suoi ex amici, che fino a quest'incarico affiancava condividendo quello che qui diciamo e che, invece, oggi palesemente contraddice .... complimenti veramente!

Ci permettiamo, inoltre, di pubblicare un file word di "lavoro" su cui ci siamo nuovamente espressi sulle modifiche che devono essere prodotte nell'allegato  affinché sia da noi approvato nel corso di quella "cabina di regia" che tanto ha voluto il commissario ma che continua a convocare senza ordine del giorno e senza redigere alcun verbale.

Si ricorda, inoltre, che dietro pressione del nostro Presidente e del CNAPPC di Roma l'avvocato estensore del ricorso al TAR per l'Ordinanza 58/2018 che istituiva il DURC di Congruità obbligatorio nell'ambito della Ricostruzione Post Sisma 2016, presso la Rete delle Professioni Tecniche, è stato nuovamente investito dell'onere della verifica del testo qui allegato al fine di capire se, veramente, è conforme a quanto richiesto dalla RPT per annullare il ricorso giacente presso il TAR LAZIO. Quindi, la partita non è ancora chiusa.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.